Skip to main content

14 Febbraio 2024

Le novità in materia di locazioni brevi e turistiche

In materia di locazioni brevi e locazioni turistiche sono state introdotte alcune novità dall’art. 1 comma 63 della Legge di bilancio 2024 e dall’art. 13-ter del D.L. 145 del 18 ottobre 2023, c.d. “Decreto anticipi”.

Le principali novità si possono inquadrare in due punti:

1.  Aumento dell’aliquota della cedolare secca per le locazioni brevi: 

E' stata aumentata l’aliquota base della cedolare secca dal 21% al 26% sulle locazioni brevi, ovvero su quei contratti di locazione di immobili esclusivamente abitativi, di durata non superiore a 30 giorni, posti in essere da soggetti privati non in regime d’impresa.

Nonostante l’aliquota base della cedolare secca diventi del 26%, viene concesso al locatore di assoggettare il reddito prodotto da uno degli immobili tra quelli dati in locazione breve alla vecchia aliquota del 21%, scegliendo liberamente in sede di dichiarazione dei redditi mediante apposita opzione (in linea di massima converrà optare per l’immobile in locazione breve che ha prodotto il reddito più alto).

Non vi sono state invece variazioni riguardo la percentuale della cedolare secca che viene applicata alle locazioni non brevi (4+4 o contratti transitori di durata superiore a 30 giorni) e alle locazioni a canone concordato, la quale rimane rispettivamente del 21% e del 10%.

In merito ai soggetti che concedono in locazione breve unità immobiliari abitative tramite degli intermediari che incassano per loro conto, si precisa che suddetti intermediari dovranno applicare e versare per conto del locatore stesso una ritenuta del 21% a titolo di acconto.

2.  Istituzione del CIN per locazioni brevi e turistiche

Per quanto riguarda il “Decreto anticipi”, la novità introdotta dall’art. 13-ter è rappresentata dall’introduzione dell’obbligo del CIN (Codice Identificativo Nazionale) per le unità immobiliari abitative destinate a locazioni brevi, locazioni turistiche e per le strutture turistico-ricettive.

Il suddetto codice identificativo verrà assegnato dal Ministero del Turismo, previa istanza da parte del locatore (o del soggetto titolare della struttura turistico-ricettiva), ad ogni unità immobiliare destinata alle locazioni brevi e alle locazioni turistiche e avrà lo scopo di identificare e raccogliere in un unico database tutte quelle unità immobiliari destinate, per l’appunto, alle locazioni brevi e turistiche, oltre che tutte le strutture turistico-ricettive.

Tale codice dovrà chiaramente essere esposto fuori da ogni unità immobiliare per cui è stato richiesto e dovrà essere indicato su ogni annuncio pubblicato su qualsiasi piattaforma. Le sanzioni pecuniarie in caso di controlli variano in relazione alle dimensioni dell’unità immobiliare o della struttura e vanno da Euro 800 ad Euro 8.000 nel caso di mancanza del CIN, da Euro 500 ad Euro 5.000 in caso di mancata esposizione del CIN con rimozione immediata dell’annuncio irregolare.

Per quei soggetti che concedono unità immobiliari in locazione breve o in locazione turistica in forma di attività d’impresa e per i titolari di strutture turistico ricettive, oltre ad essere sottoposti ai sopra menzionati obblighi e relative sanzioni, vi sono anche l’obbligo relativo alla sicurezza degli impianti (dispositivi per rilevazione di gas combustibili e del monossido di carbonio, estintori portatili accessibili e visibili, ecc) e l’obbligo di presentazione della SCIA (Segnalazione Certificata di Inizio Attività) al Comune in cui gli immobili sono ubicati.

I controlli in merito agli obblighi relativi al CIN sono eseguiti non solo dalla GdF e dall’AdE ma anche dal Comune in cui le unità immobiliari o la struttura sono ubicate, per il tramite degli organi di Polizia Locale.

Attualmente tali disposizioni non sono ancora operative in quanto entreranno in vigore entro 60 giorni dalla pubblicazione in G.U. dell’avviso di entrata in funzione della banca dati nazionale e del portale telematico del Ministero del Turismo per l’assegnazione del CIN.

Compila il form per maggiori informazioni