Focus: Lo sport nella Legge di bilancio 2021

Riportiamo l’articolo pubblicato da SPORTVicentino.

Come ogni anno in questo periodo l’informazione nazionale dà largo spazio alla Legge di bilancio (un tempo nota come legge “finanziaria”).
L’approvazione e la pubblicazione di tale legge è molto attesa poiché in essa sono solitamente contenuti interventi volti ad agevolare i diversi settori economici. E, nel passato recente, lo sport (anche dilettantistico) è riuscito a ritagliarsi il suo spazio ottenendo di fatto il riconoscimento della sua importanza sia a livello sociale che economico.
E nella legge di Bilancio 2021 non sono mancati gli interventi a favore dello sport. Il settore come per altro molti altri, ha risentito nel corso del 2020 della pandemia che ha comportato a tutti i livelli l’interruzione delle attività, poi parzialmente riprese solo per alcune discipline, per lo più a livello professionistico. Inutile sottolineare quanto il danno economico per le associazioni e le società sportive sia stato rilevante.
La Legge si compone di 29 articoli, ma il primo di questi da solo conta 1150 commi e non è quindi immediata l’individuazione delle norme legate allo sport.
Andando con ordine, la Legge di bilancio ha previsto ai commi 34 e 35 la creazione di un fondo finalizzato al riconoscimento di un esonero dei contributi previdenziali a carico delle federazioni sportive nazionali, discipline sportive associate, enti promozione sportiva, associazioni e società sportive dilettantistiche, con esclusione dei premi e dei contributi dovuti all’INAIL, relativamente ai rapporti di lavoro sportivo instaurati con atleti, allenatori, istruttori, direttori tecnici, preparatori atletici, direttori sportivi e direttori di gara.

Un aiuto per un settore colpito in maniera pesante dalla pandemia. Previsti sgravi fiscali ed agevolazioni.

Il fondo stanziato è di 50 milioni di euro per la annualità 2021-2022. Tale decontribuzione è compatibile con altre esoneri o riduzioni delle aliquote previdenziali previsti da altre norme.
I commi 36 e 37 sospendono i termini dei versamenti in scadenza nei mesi di gennaio e febbraio 2021, i versamenti delle imposte sul reddito, dell’IVA e dei contributi previdenziali per le federazioni sportive nazionali, gli enti di promozione sportiva, le associazioni e società sportive professionistiche e dilettantistiche che hanno il domicilio fiscale, la sede legale o la sede operativa nel territorio dello Stato e operano nell’ambito di competizioni in corso di svolgimento ai sensi del D.P.C.M 24 ottobre 2020. I versamenti sospesi riguardano le ritenute di lavoro dipendente e assimilato, i contributi previdenziali ed i premi per l’assicurazione obbligatoria dall’01/01/2021 al 28/02/2021, l’Iva e le imposte sui redditi scadenti dall’01/01/2021 al 28/02/2021.
I versamenti sospesi potranno essere effettuati, senza applicazione di sanzioni ed interessi, in un’unica soluzione entro il 30 maggio 2021 o mediante rateizzazione fino ad un massimo di 24 rate mensili di pari importo con il versamento della prima rata entro il 30 maggio 2021. I versamenti rateali dei mesi di dicembre 2021 e 2022 devono essere effettuati entro il giorno 16 di detti mesi.
Arrivando quindi al comma 561 si parla dello stanziamento di un fondo di 50 milioni volto a potenziare l’attività di base “nei territori per tutte le fasce della popolazione e di ottimizzare gli interventi di prevenzione primaria, secondaria e terziaria attraverso l’esercizio fisico”.
Per sapere di cosa di tratta in concreto, i requisiti e le modalità per accedervi bisognerà tuttavia attendere un apposito decreto attuativo come disposto dal comma 562.

Previsto lo stanziamento di un altro fondo di 50 milioni volto a potenziare l’attività sportiva di base.

In vista delle Olimpiadi invernali 2026, per le sole regioni interessate dai giochi (Lombardia, Veneto e Province autonome di Trento e di Bolzano), ai commi 773 e 774 è stata prevista una spesa di 45 milioni di euro per il 2021, di 50 milioni per il 2022 e di 50 milioni per il 2023 finalizzata alla realizzazione e sistemazione delle opere legate all’impiantistica sportiva.
Rispetto all’anno precedente sono tuttavia venute meno alcune agevolazioni. Sembra infatti non essere stato rinnovato il cosiddetto “sport bonus” introdotto con la legge di bilancio 2019 (art.1 c.621-626) e prorogato dalla Legge di bilancio 2020 (art.1 c.177-179) a tutto il 2020.
Questa agevolazione consentiva alle persone fisiche, agli enti non commerciali e ai soggetti titolari di reddito d’impresa di accedere ad un credito d’importa per le erogazioni liberali in denaro effettuate per interventi di manutenzione, restauro o realizzazione di nuove strutture sportive pubbliche. Il credito d’importa spettante era pari al 65& delle erogazioni effettuate nel limite del 20% se erogati da persone fisiche ed enti non commerciali e nel limite del 10 per mille dei ricavi annui per i titolari di reddito d’impresa.
Non ha trovato posto nella legge di Bilancio 2021 neppure il credito d’imposta per gli investimenti pubblicitari in favore di Leghe e società e associazioni sportive dilettantistiche previsto dall’art.81 del D.L. 104/2020.
Potevano usufruirne imprese, lavoratori autonomi, enti non commerciali per sponsorizzazioni e campagne pubblicitarie nei confronti dei predetti soggetti.
A fronte di queste sponsorizzazioni era riconosciuto un credito di importa nella misura del 50% degli investimenti effettuati a decorrere dal 1 luglio al 31 dicembre 2020 con un investimento minimo di euro 10.000. Tuttavia erano esclusi dall’agevolazione gli investimenti pubblicitari effettuati nei confronti delle ASD e SSD che aderiscono al regime forfettario previsto dalla legge 398 del 1991 limitando quindi fortemente la diffusione di questo strumento nel mondo dei dilettanti.
Ci si attendeva dal “Milleproroghe” la proroga di tali agevolazioni (che non è arrivata!) tuttavia non è escluso, ed è anzi auspicabile, che, visto il proseguimento dello stato di emergenza legato alla pandemia, possano essere istituiti o rinnovati ulteriori agevolazioni per il settore nel corso dell’anno.

 

SPORTVicentino | gennaio 2021

CONTATTACI PER MAGGIORI INFORMAZIONI