Focus: Regime Speciale del One Stop Shop

È partito il 1° luglio 2021 il regime speciale del One Stop Shop (OSS)
Con l’adozione dei regimi opzionali Oss e Ioss l’Italia da attuazione al c.d. “VAT e-commerce package”, che rappresenta una priorità all’interno del più ampio Digital Single Market Strategy e uno dei pilastri della riforma globale dell’IVA rappresentata dalla Commissione europea nel VAT action plan del 2016.
L’entrata in vigore dei regimi OSS/IOSS, originariamente prevista dalla Direttiva UE n. 2455/2017 il 1°gennaio 2021, è stata posticipata al 1° luglio 2021 in considerazione degli effetti negativi della pandemia Covid-194.
Una volta entrati in vigore, in questi regimi confluirà anche quello del MOSS. I regimi OSS/IOSS introducono un sistema europeo di assolvimento dell’IVA, centralizzato e digitale, che ampliando il campo di applicazione del MOSS (concernente solo i servizi elettronici, di telecomunicazione e di teleradiodiffusione), ricomprende le seguenti transazioni:

  • vendite a distanza di beni importati da territori terzi o Paesi terzi (ad eccezione dei beni soggetti ad accise) effettuate da fornitori o tramite l’uso di un’interfaccia elettronica;
  • vendite a distanza intracomunitarie di beni effettuate da fornitori o tramite l’uso di un’interfaccia elettronica;
  • vendite nazionali di beni effettuate tramite l’uso di un’interfaccia elettronica;
  • prestazioni di servizi da parte di soggetti passivi non stabiliti nell’UE o da soggetti passivi stabiliti all’interno dell’UE ma non nello Stato membro di consumo a soggetti non passivi (consumatori finali).

Gli operatori che effettuano vendite a distanza e prestazioni di servizi B2C intra UE devono valutare tempestivamente la convenienza dell’adesione al regime speciale del One Stop Shop (OSS).
Mediante l’adesione all’OSS, che rappresenta una “estensione” del precedente regime MOSS (limitato alle prestazioni “TTE”), il soggetto passivo può evitare di registrarsi nei singoli Stati di “consumo”, dichiarando e versando l’imposta nel solo Stato di identificazione, il quale provvederà a riversare l’IVA agli Stati competenti
Posto che le nuove regole recepite con il D.Lgs.n. 83/2021 comportano, fra l’altro, l’abolizione delle attuali soglie di riferimento per le vendite a distanza e l’introduzione di una soglia unica complessiva pari a 10.000 euro, è evidente che anche gli operatori di minori dimensioni dovrebbero valutare gli effetti delle nuove misure.
L’applicazione della soglia “unionale”, in effetti, che tiene conto sia delle vendite a distanza intracomunitarie di beni che delle prestazioni TTE verso privati di altri Stati membri, potrebbe imporre anche ai soggetti di minori dimensioni l’obbligo di assolvimento dell’IVA in altri Stati membri per tali operazioni.

Proprio in questo senso è opportuno evidenziare che l’applicazione del regime OSS è facoltativo: pertanto, i soggetti che effettuano vendite a distanza intra UE devono valutare fin d’ora la possibilità di aderire al nuovo regime, tenendo conto dei termini di efficacia della registrazione.
In particolare, in virtù di quanto disposto dall’art. 57-quinquies del Reg. Ue 282/2011 (modificato dal Reg. Ue 2026/2019), gli effetti della registrazione decorrono dal 1° giorno del trimestre civile successivo alla comunicazione, per cui un soggetto passivo IVA che intendeva avvalersi dell’OSS dal 1° luglio avrebbe dovuto registrarsi entro il 30 giugno 2021.

Viene altresì previsto che se un soggetto passivo inizia ad effettuare cessioni/prestazioni prima di essersi registrato, egli è comunque legittimato ad avvalersi del regime sin dalla prima cessione/prestazione comunicando allo Stato membro di identificazione, entro il decimo giorno del mese successivo all’operazione, di aver iniziato ad effettuare cessioni rientranti nel regime.
Ciò significa che se un soggetto passivo inizia a effettuare vendite a distanza intra-Ue eccedenti la soglia di Euro 10.000 dal mese di agosto 2021 dovrebbe avere tempo fino al 10 settembre successivo per registrarsi all’OSS.

Lo Studio G&G rimane a disposizione per qualsiasi chiarimento.

CONTATTACI PER MAGGIORI INFORMAZIONI