Focus: Rinvio dei termini di approvazione del Bilancio d’esercizio

In sede di conversione in legge (L.26.02.2021, n. 21) del D.L. 31 dicembre 2020, n. 183 (c.d. DL “Milleproroghe”) è stata inserita una modifica all’art. 106, co. 1 del D.L. 17 marzo 2020, n. 18, attraverso la quale viene previsto che, in deroga agli art. 2364, co. 2 e 2478-bis del c.c., o alle diverse disposizioni statuarie, l’assemblea ordinaria è convocata, per l’approvazione del bilancio al 31.12.2020, entro 180 giorni dalla chiusura dell’esercizio.

Viene stabilito altresì, che tutte le disposizioni di cui all’art. 106 sopracitato (con possibilità, tra l’altro, di svolgere le assemblee “a distanza” a prescindere dalle indicazioni statutarie) si applichino alle assemblee “tenute” entro il 31 luglio 2021.

Ciò significa, è bene evidenziarlo, che per avvalersi delle previsioni contenute nell’art. 106 del D.L. n. 18/2020 (in primis, lo svolgimento dell’assemblea “a distanza”) non è sufficiente la mesa convocazione dell’assemblea entro il 31 luglio 2021, essendo necessario che la stessa sia anche “tenuta” entro il medesimo termine.

Ovviamente l’utilizzo del termine più ampio di 180 giorni riconosciuto dall’art. 106, co. 1 del D.L. n. 18/2020, rappresenta una mera facoltà: le società possono scegliere di tenere l’assemblea nella data più consona rispetto alle proprie esigenze (es. pagamento di dividendi o per l’adozione di decisioni ulteriori all’approvazione del bilancio).

 

Lo Studio rimane a disposizione per qualsiasi chiarimento.

CONTATTACI PER MAGGIORI INFORMAZIONI